Investire in azioni sull'uranio

La tendenza di pensiero negativa legata all'energia nucleare sembra stia cambiando verso una nuova direzione. Molti Paesi, infatti, vedono nella costruzione di centrali nucleari un'opzione per raggiungere obiettivi climatici ambiziosi. Le centrali nucleari hanno bisogno della materia prima dell’uranio per generare energia e con la costruzione di più centrali nucleari, sarà necessario anche più uranio. Come puoi da investitore approfittare di questa tendenza e quali sono i prodotti d'investimento di DEGIRO per investire nell'uranio?

Apri un conto

Che cos'è l'uranio?

L'uranio è una materia prima di colore grigio metallico. Viene estratto principalmente in miniere a cielo aperto o in gallerie sotterranee, dove il minerale viene portato in superficie. Si trova spesso come sottoprodotto nelle miniere d'oro o di rame, ma esistono anche modi per estrarre l'uranio dal suolo pompando acqua in profondità. Aggiungendo ossigeno a quest'acqua, l'uranio immagazzinato nel minerale/roccia sotterranea si corrode. Infine, quest'acqua arrugginita viene poi pompata e si estrae l'uranio.

Arricchimento dell'uranio

Il Kazakistan produce sicuramente la maggior parte dell'uranio. Oltre a questo paese, la materia prima viene estratta anche in Australia, Namibia, Canada, Uzbekistan, Niger e Russia. Circa il 99,3% dell'uranio è costituito dal cosiddetto isotopo uranio-238, mentre il restante 0,7% è costituito dall'isotopo unario-235. Per far partire con successo un reattore nucleare, il contenuto di U-235 nelle barre di uranio deve essere compreso tra il 3 e il 5%. L'aumento del contenuto di U-235 si chiama "arricchimento" dell'uranio. Per mezzo di grandi centrifughe, l'isotopo viene gradualmente aumentato fino ad arrivare all'uranio arricchito.

Realizzare bombe atomiche con l'uranio

Le bombe atomiche hanno un contenuto di circa il 90% di uranio-235. Non è facile arricchire l'uranio con una concentrazione così alta di U-235. Paesi come l'Iran sono spesso temuti per l'utilizzo del loro programma nucleare per la produzione di armi nucleari. Per questo motivo, l'AIEA (Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica) ispeziona regolarmente le strutture nucleari del Paese. In particolare, gli impianti di centrifugazione sono strettamente monitorati. La costruzione di questi impianti dimostra la possibilità di produrre uranio altamente arricchito.

Domanda e offerta di uranio

A differenza di altre materie prime, l'uranio non viene scambiato liberamente sul mercato aperto. Acquirenti e produttori stipulano accordi privati tra loro. I produttori possono vendere uranio solo a società o governi di Paesi che hanno firmato il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari. In teoria, solo le aziende elettriche, gli ospedali/laboratori e l'esercito possono vendere uranio.

La World Nuclear Association, un'organizzazione internazionale che promuove l'energia nucleare e sostiene le aziende che fanno parte dell'industria nucleare globale, prevede che nel 2030 la domanda di uranio aumenterà a 79.400 tonnellate. Nel 2040, si prevede che raggiungerà le 112.300 tonnellate. Bisogna considerare che la domanda nel 2021 era di 62.500 tonnellate. Questo aumento si basa principalmente sulla previsione che sarà necessario più uranio per la produzione di energia nucleare.

Nel 2021, il prezzo dell'uranio è aumentato in modo significativo. Tuttavia, negli anni precedenti, anche a causa del disastro nucleare di Fukushima, il prezzo della materia prima risultava molto basso e ha portato diversi produttori di uranio a interrompere la produzione. In passato, il costo dell'estrazione dell'uranio era superiore al rendimento che si poteva ottenere. Ora che il prezzo della materia prima è tornato a salire, i prodotti a base di uranio stanno aumentando le loro capacità.

Che cos'è l'uranio?

L'uranio è una materia prima di colore grigio metallico. Viene estratto principalmente in miniere a cielo aperto o in gallerie sotterranee, dove il minerale viene portato in superficie. Si trova spesso come sottoprodotto nelle miniere d'oro o di rame, ma esistono anche modi per estrarre l'uranio dal suolo pompando acqua in profondità. Aggiungendo ossigeno a quest'acqua, l'uranio immagazzinato nel minerale/roccia sotterranea si corrode. Infine, quest'acqua arrugginita viene poi pompata e si estrae l'uranio.

In Kazachstan wordt veruit het meeste uranium geproduceerd. Ook in Australië, Namibia, Canada, Oezbekistan, Niger en Rusland wordt de grondstof gewonnen. Zo’n 99,3% van uranium bestaat uit het zogenaamde uranium-238 isotoop, de overige 0.7% bestaat uit het unarium-235 isotoop. Om succesvol een kernreactor op gang te krijgen, moet het U-235 gehalte van uraniumstaven tussen de 3 en 5% liggen. Het opkrikken van het U-235gehalte noemt men het ‘verrijken’ van uranium. Doormiddel van grote centrifuges wordt het isotoop stap voor stap opgehoogd tot verrijkt uranium overblijft.

Le bombe atomiche hanno un contenuto di circa il 90% di uranio-235. Non è facile arricchire l'uranio con una concentrazione così alta di U-235. Paesi come l'Iran sono spesso temuti per l'utilizzo del loro programma nucleare per la produzione di armi nucleari. Per questo motivo, l'AIEA (Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica) ispeziona regolarmente le strutture nucleari del Paese. In particolare, gli impianti di centrifugazione sono strettamente monitorati. La costruzione di questi impianti dimostra la possibilità di produrre uranio altamente arricchito.

A differenza di altre materie prime, l'uranio non viene scambiato liberamente sul mercato aperto. Acquirenti e produttori stipulano accordi privati tra loro. I produttori possono vendere uranio solo a società o governi di Paesi che hanno firmato il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari. In teoria, solo le aziende elettriche, gli ospedali/laboratori e l'esercito possono vendere uranio.

La World Nuclear Association, un'organizzazione internazionale che promuove l'energia nucleare e sostiene le aziende che fanno parte dell'industria nucleare globale, prevede che nel 2030 la domanda di uranio aumenterà a 79.400 tonnellate. Nel 2040, si prevede che raggiungerà le 112.300 tonnellate. Bisogna considerare che la domanda nel 2021 era di 62.500 tonnellate. Questo aumento si basa principalmente sulla previsione che sarà necessario più uranio per la produzione di energia nucleare.

Nel 2021, il prezzo dell'uranio è aumentato in modo significativo. Tuttavia, negli anni precedenti, anche a causa del disastro nucleare di Fukushima, il prezzo della materia prima risultava molto basso e ha portato diversi produttori di uranio a interrompere la produzione. In passato, il costo dell'estrazione dell'uranio era superiore al rendimento che si poteva ottenere. Ora che il prezzo della materia prima è tornato a salire, i prodotti a base di uranio stanno aumentando le loro capacità.

Motivi per investire in azioni sull'uranio

L'opposizione all'energia nucleare sembra diminuire. Ad esempio, il governo francese ha dichiarato di voler investire massicciamente nelle centrali nucleari e si mormora che anche molti altri Paesi di tutto il mondo vogliano investire nell'energia nucleare. Per alimentare tutte queste centrali nucleari, sarà necessario più uranio di quello attualmente utilizzato. Per gli investitori, quindi, questa potrebbe essere un'opportunità per investire in una materia prima per la quale c'è (probabilmente) domanda.

I 4 titoli sull'uranio più scambiati

Investire nell'uranio è molto diffuso. Abbiamo elencato le azioni sull'uranio più scambiate nei primi cinque mesi del 2022 su DEGIRO:

Uranium Energy Corp è relativamente un piccolo attore nel mercato dei produttori di uranio. Al momento, l'azienda non produce uranio perché il prezzo della materia prima è rimasto a lungo al di sotto dei 50 dollari per oncia (28,35 grammi). Questo prezzo non risulta redditizio per l'azienda estrarre la materia prima. Lo stesso vale per molti altri produttori di uranio, che hanno abbandonato i progetti quando il prezzo dell'uranio era basso e si sono trovati in difficoltà finanziarie. Tuttavia, la Uranium Energy Corp ne ha approfittato in passato acquistando progetti da altre società di uranio.

Con tutti gli asset che possiede, l'azienda afferma di poter aumentare rapidamente la produzione di uranio se il prezzo dell'uranio lo consentirà. Secondo l'amministratore delegato Amir Adnani, il futuro dell'azienda appare luminoso. L'azienda non ha debiti, la domanda di uranio tenderà ad aumentare e aumenterà anche la domanda di uranio prodotto negli Stati Uniti. Attualmente, in questo Paese non si estrae uranio. Di conseguenza, le scorte di uranio negli Stati Uniti sono poche. Il Paese, però, ha in programma di aumentare la capacità di energia nucleare e secondo Adnani, ciò andrà a vantaggio della società, la quale ha la maggior parte dei suoi progetti negli Stati Uniti.

Uranium Royalty Corp è una società di royalty che investe in società di uranio e in cambio partecipa ai profitti futuri. Inoltre, la società acquista lotti di uranio, ovvero la materia prima fisica. Quando il prezzo dell'uranio è basso, l'uranio viene acquistato e immagazzinato. Quando il prezzo sale, invece, viene rivenduto.

Uranium Royalty Corp è una società relativamente giovane, fondata nel 2017. Il suo modello di business si concentra sulla rinascita dell'energia nucleare e sull'aumento della domanda di uranio che potrebbe accompagnarla. Il successo dell'azienda dipenderà dal rilancio dell'energia nucleare.

Cameco è la più grande società di uranio quotata in borsa al mondo. L'azienda canadese possiede circa il 20% di tutta la produzione di uranio. La capitalizzazione di mercato di Cameco è di circa 9,5 miliardi di dollari. La società ha progetti minerari in Nord America, Australia e Kazakistan. L'azienda è quotata in borsa dal 1996 e ha subito molte fluttuazioni di prezzo. Il prezzo delle sue azioni è un buon indicatore di come il valore di mercato si muove con il prezzo dell'uranio.

Nel 2022, la società, come la maggior parte delle aziende produttrici di uranio, non realizza profitti. L'azienda prevede che la transizione energetica e la costruzione di nuove centrali nucleari cambieranno la situazione. Non appena i prezzi dell'uranio aumenteranno, Cameco aumenterà la sua produzione.

Energy Fuels è un'azienda americana produttrice di uranio fondata nel 2006. Le azioni della società sono state immesse sul mercato nel 2006 al prezzo di circa 60 dollari. Nel 2007 il prezzo di un'azione era invece di circa 230 dollari. A maggio 2022, un'azione costa meno di 6,5 dollari. Questo forte calo è chiaramente legato al prezzo dell'uranio e al fatto che l'azienda non realizza profitti da anni. L'azienda prevede di aumentare nuovamente la produzione di uranio non appena i prezzi dell'uranio aumenteranno. Investire in Energy Fuels rimane un rischio. Tuttavia, il prezzo che il titolo ha toccato nel 2007 dimostra che il valore di mercato può aumentare in modo significativo se l'energia nucleare tornerà a crescere.

Investire nell'uranio con DEGIRO

DEGIRO offre diversi modi per investire nell'uranio. Offriamo un'ampia gamma di titoli legati all'industria dell'uranio. Apri subito un conto su DEGIRO e approfitta dei nostri costi ridotti. I costi che risparmi con il tuo broker ti garantisce un rendimento maggiore a lungo termine.

Oltre 86 premi internazionali

Scegli il broker che viene considerato il modo migliore, affidabile ed economico per investire online.

veiligheid

MIGLIOR BROKER LOW-COST

FT & IC 2020

veiligheid
veiligheid

MIGLIOR BROKER PER AZIONI

Rankia 2021

veiligheid
veiligheid

MIGLIOR BORKER ONLINE

Cashcow 2019

veiligheid
veiligheid

BORKER ONLINE PIU’ AFFIDABILE

Fairness award 2019

veiligheid

MIGLIOR BROKER LOW-COST

FT & IC 2020

veiligheid
veiligheid

MIGLIOR BROKER PER AZIONI

Rankia 2021

veiligheid
veiligheid

MIGLIOR BORKER ONLINE

Cashcow 2019

veiligheid
veiligheid

BORKER ONLINE PIU’ AFFIDABILE

Fairness award 2019

Inizia ad investire oggi

Unisciti a più di 2 milioni di clienti che ripongono la loro fiducia in noi.

Apri un conto gratuito ora

Nota: Investire comporta rischi. Puoi perdere una parte o tutto l'ammontare del tuo deposito. Ti consigliamo di investire solamente in prodotti finanziari che si adattano alle tue conoscenze ed esperienza.

Nota:
Investire comporta rischi. Puoi perdere una parte o tutto l'ammontare del tuo deposito. Ti consigliamo di investire solamente in prodotti finanziari che si adattano alle tue conoscenze ed esperienza.

Logo

Termini e condizioni per l'offerta di 100 € di commissioni di transazione

Se attivi il tuo conto di investimento DEGIRO prima del 1º settembre 2022, DEGIRO rimborserà le tue commissioni di transazione fino a € 100. Le seguenti condizioni si applicano a questa offerta:

  • L'offerta è valida fino al 31º agosto 2022.
  • Durante il periodo di offerta, i nuovi clienti che hanno attivato un account riceveranno fino a € 100 di rimborso sulle commissioni di transazione.
  • Le prime commissioni di transazione e costi di gestione fino a € 100 entro il periodo di tempo fino al 30º settembre 2022 saranno rimborsate.
  • Rimborseremo le commissioni di transazione e costi di gestione che hai speso (fino ad un massimo di € 100) sul tuo conto DEGIRO all'inizio di ottobre 2022.
  • Questa offerta è valida solo per i nuovi clienti con un account DEGIRO italiano.
  • Per poter beneficiare di questa offerta, il nuovo cliente deve effettuare un primo deposito per convalidare il conto (deposito minimo è di € 0,01) e attivare il suo conto DEGIRO.
  • I nuovi clienti che hanno iniziato la loro registrazione prima del periodo di offerta, ma attivano il loro account DEGIRO durante il periodo di offerta, possono beneficiare dell’offerta.
  • Se un account esistente è già collegato all'indirizzo del nuovo cliente, la partecipazione è esclusa.
  • Ogni nuovo cliente può richiedere il credito di 100 euro soltanto una volta

Accettazione delle condizioni di offerta

Partecipando all'offerta, il cliente accetta automaticamente le condizioni e i termini dell'offerta. DEGIRO può terminare prematuramente la campagna o modificare le condizioni della campagna. DEGIRO comunicherà eventuali modifiche tramite il sito web.

Partecipazione

La partecipazione all'offerta è aperta a tutti i clienti che hanno attivato un account presso DEGIRO fino al 31º agosto 2022.

icon_close