Differenza tra un ETF fisico e un ETF sintetico

Qual è la differenza tra ETF fisici ed ETF sintetici?

Investire sugli ETF, noti anche come tracker, sta diventando sempre più popolare. Infatti, esiste un ETF per quasi tutte le strategie che un investitore vuole seguire. Possiamo distinguere tra ETF fisici o sintetici. In questa sezione ti spieghiamo la differenza tra i due tipi di ETF, i rischi che gli investitori devono conoscere e come effettuare la scelta più giusta per il tuo portafoglio.

Che cos'è un ETF fisico?

Un Exchange-Traded Fund, o ETF in breve, consente agli investitori di seguire l'andamento di un indice, di una materia prima, di un'obbligazione o di una combinazione di prodotti. L'obiettivo dell'ETF è seguire i movimenti dei prezzi dei prodotti sottostanti nel fondo. L'ETF fisico si occupa dell'acquisto degli strumenti finanziari in questione. Si tratta della cosiddetta replica fisica.

Un esempio è un ETF fisico che segue l'indice S&P 500. L'ETF, in questo caso, è costituito da tutte le azioni delle società che compongono questo indice. La distribuzione del capitale investito è uguale alla distribuzione dell'indice stesso. Il valore di tutte le azioni del fondo sommato, pertanto, sale o scende a seconda dell’andamento dell'indice S&P 500.

Che cos'è un ETF sintetico?

Un ETF sintetico funziona in modo diverso. Questo ETF non acquista gli strumenti finanziari stessi, ma gli ETF stipulano invece contratti denominati ‘’swap’’ con una controparte, ad esempio una banca. Con un contratto di swap, due parti concordano di scambiarsi flussi di cassa. Spesso la banca è anche l'emittente dell'ETF.

Gli ETF acquistano, quindi, investimenti dalla banca. Le parti concordano che la banca riceve i profitti degli investimenti e che questa paga al fondo una commissione pari all'aumento di valore ed eventualmente al dividendo. Gli investimenti possono essere in gran parte uguali all'attività sottostante (ad esempio, gli strumenti finanziari di un indice), ma non sempre.

ETF sintetici per investimenti a bassa negoziazione

Gli ETF sintetici sono spesso utilizzati per tracciare un indice con attività a bassa negoziazione. Inoltre, consentono di investire in mercati difficili o addirittura impossibili da raggiungere. Ad esempio, i mercati azionari chiusi agli investitori stranieri o i titoli con pochi scambi. Un altro esempio sono i mercati delle materie prime, dove la negoziazione avviene con contratti futures.

Costi dell'ETF sintetico inferiori a quelli dell'ETF fisico

I costi sostenuti dagli emittenti di ETF sintetici e fisici sono diversi. Gli ETF sintetici devono sostenere costi per la stipula di accordi di swap, mentre gli ETF fisici devono sostenere molti costi per le operazioni di acquisto e vendita. In generale, i costi addebitati agli investitori dagli ETF sintetici sono leggermente inferiori a quelli degli ETF fisici.

ETF sintetico in Europa

L'autorità di regolamentazione statunitense SEC ha limitato l'uso degli ETF sintetici dopo la crisi finanziaria del 2008 e 2009. Secondo la SEC, gli investitori non hanno compreso adeguatamente i rischi di questi prodotti. Di conseguenza, gli ETF sintetici sono molto meno utilizzati negli Stati Uniti che in Europa e in Asia.

Errori di tracciamento

Come per tutti gli investimenti, esiste il rischio di svalutazione. C'è sempre la possibilità che gli investitori non recuperino interamente il loro denaro perché gli strumenti finanziari hanno un valore inferiore.

Un rischio che gli investitori corrono con gli ETF fisici è che questi fondi spesso prestano strumenti finanziari e per questo ricevono un compenso. Ad esempio, un ETF che investe in azioni presterà tali azioni a chi vuole assumere una posizione corta (ossia, la vendita allo scoperto di un titolo generalmente preso a prestito). Questo crea il rischio che la parte che presta le azioni subisca grosse perdite e non sia in grado di restituire le azioni.

Riconoscere gli errori di tracciamento

Quando gli investitori scelgono un ETF, possono esaminare l'entità del tracking error del fondo. Questo può avvenire utilizzando l'R-squared, ossia un indicatore di quanto un ETF segua l'indice. Più questo numero è vicino a 1, minore è l'errore di tracciamento. Gli investitori possono anche confrontare i grafici per vedere in che misura un ETF segue un indice.

Rischi degli ETF fisici

Come per tutti gli investimenti, esiste il rischio di svalutazione. C'è sempre la possibilità che gli investitori non recuperino interamente il loro denaro perché gli strumenti finanziari hanno un valore inferiore.

Un rischio che gli investitori corrono con gli ETF fisici è che questi fondi spesso prestano strumenti finanziari e per questo ricevono un compenso. Ad esempio, un ETF che investe in azioni presterà tali azioni a chi vuole assumere una posizione corta (ossia, la vendita allo scoperto di un titolo generalmente preso a prestito). Questo crea il rischio che la parte che presta le azioni subisca grosse perdite e non sia in grado di restituire le azioni.

Rischi degli ETF sintetici

Un rischio che gli ETF sintetici presentano (e che al contrario gli ETF fisici non presentano) è legato agli accordi di swap che gli ETF sintetici stipulano. Può accadere che una controparte di un contratto di swap non sia in grado di adempiere ai propri obblighi. Sebbene l'ETF abbia diritto a un compenso pari all'aumento di valore secondo l'accordo di swap, l'ETF non lo riceve perché la controparte non può pagarlo.

Conclusione

Gli ETF fisici e sintetici presentano quindi ciascuno i propri vantaggi e svantaggi. Anche questi ovviamente possono variare per ogni ETF. Se vuoi investire parte del tuo patrimonio in ETF ti consigliamo sempre di esaminare attentamente la struttura, i costi e i rischi dell'ETF.

Investire in ETF fisici o sintetici tramite DEGIRO

Vuoi investire in ETF sintetici o fisici? È possibile investire in molti ETF con DEGIRO. Puoi trovarli facilmente nella nostra piattaforma di investimento. Scopri di più sull'acquisto di ETF attraverso la nostra piattaforma e sulle nostre commissioni.

Le informazioni contenute in questo articolo non sono state redatte a scopo di consulenza, né hanno lo scopo di raccomandare investimenti. Investire comporta dei rischi. Potresti perdere (parte del) tuo investimento. Ti consigliamo di investire solo in strumenti finanziari che corrispondono alle tue conoscenze ed esperienze.

Fonti: Investopedia, Invesco, Bloomberg Intelligence

backtotop

Il tuo viaggio di investimento inizia qui

Apri un conto gratuito e unisciti a oltre 2 milioni di investitori sulla nostra piattaforma facile da usare.

Inizia a investire

Nota:
Investire comporta rischi. Puoi perdere una parte o tutto l'ammontare del tuo deposito. Ti consigliamo di investire solamente in prodotti finanziari che si adattano alle tue conoscenze ed esperienza.

Vogliamo fare in modo che le persone diventino i migliori investitori possibili. Offrendo un universo di possibilità e scelte sulla nostra piattaforma facile da usare, eliminiamo le barriere per rendere gli investimenti accessibili a tutti: principianti o esperti. Puoi accedere a un'ampia gamma di prodotti su più di 50 borse mondiali, per avere la libertà di investire nel modo che preferisci. Nel nostro mondo, si ottiene anche un ottimo rapporto qualità-prezzo. Per questo, senza compromettere di un millimetro la qualità, la sicurezza e la gamma dei nostri servizi di investimento, offriamo commissioni incredibilmente basse. Dare priorità alle tue esigenze ci ha permesso di diventare il principale broker online europeo. I nostri 2 milioni di clienti e gli oltre 80 premi internazionali sono la prova del nostro successo.